Amico degli uomini

Dona anche a noi il perdono, tu che hai patito per noi e salvaci!

Amico degli uomini

1L Una meretrice si avvicina a te, o Amico degli uomini,
e versa sui tuoi piedi lacrime e profumi.
Al tuo comando è  liberata dal cattivo odore dei peccati,
mentre il discepolo ingrato, che respirava la tua grazia,
la disprezza e si impasta di fango,
Giuda, il falso, preso d’amore per il denaro,
medita di tradire con inganno te, o Signore,
che sei il Tesoro della vita.
Ant. Misericordias Domini in Aeternum cantabo

2L La meretrice nel suo lamento, o Misericordioso,
ti asciugava con ardore i piedi immocalati
con i capelli della sua testa
e, gemendo profondamente diceva: non respingermi,
non avere orrore di me, o Dio mio,

ma accoglimi pentita e salvami,
o solo Amico degli uomini!
Ant. Misericordias Domini in Aeternum cantabo

3L Quella donna che prima era dissoluta,
improvvisamente appare casta,
e ti diceva, pregando fra le lacrime,
poiché aveva commesso azioni degne di pianto:
sciogli il mio debito, come io sciolgo i miei capelli,
vedo il tuo talamo adorno, o mio Salvatore,
e non ho la veste per entrare.
fa’ risplendere la veste dell’anima mia,
o tu che doni la luce, e salvami! 
Ant. Misericordias Domini in Aeternum cantabo

4L  La meretrice mescolò con le lacrime il miron prezioso
e lo versò sui tuoi piedi immacolati, baciandoli;
e subito tu l’hai resa giusta.
Dona anche a noi il perdono,
tu che hai patito per noi e salvaci!
Ant. Misericordias Domini in Aeternum cantabo

Tratto dall’ Orthros del mercoledì della grande settimana.
Sussidio Liturgico Pastorale – Quaresima Pasqua 2018

Quaresima