Crea sito

Page 2 of 4

Memoria don Alberione

2015-Poster-Alberione-Ott-2015-sml

Memoria del Beato Giacomo Alberione

Memoria del Beato Giacomo Alberione

by Carlo Cibien, SSP in Ultime
on 18 November, 2015

Celebreremo come comprensorio romano paolino la memoria del Beato Giacomo Alberione giovedì 26 novembre p.v., alle ore 18 presso la Parrocchia paolina, Santuario Basilica “Beata Vergine Maria Regina degli Apostoli” di Roma, in via Antonio Pio 75.

L’Eucaristia sarà presieduta dal Superiore Generale  don Valdir José De Castro.

Per l’occasione sarà esposta accanto all’altare una reliquia del Beato e sarà distribuita una sua biografia. Anche questo è un modo concreto di far conoscere il nostro carisma e i nostri “Testimoni” alle persone alle quali siamo inviati attraverso la nostra Parrocchia mariana.

don Carlo Cibien, vicario provinciale

alberione.org

DON ALBERIONE Editore di Dio

20151229-editore-di-Dio

DON ALBERIONE Editore di Dio

È con grande piacere che  annunciamo che  il 29 dicembre andrà in onda il nostro documentario Don Alberione Editore di Dio.

RAITRE, 29 dicembre 2015, ore 23,00
CORREVA L’ANNO
DON ALBERIONE EDITORE DI DIO

un documentario di Massimo My realizzato in coproduzione con Società San Paolo, MDAM, KTO e in pre-acquisto RaiTr.

 paulus.net

Papa Francesco 2015

Pasqua a San Rocco

Weekend

Tre giorni per riflettere

Tre giorni per riflettere

WEEKEND

L’apostolo ha un cuore acceso di amore di Dio.
Non può comprimere e soffocare quanto sente e pensa.
Beato Giacomo Alberione

Scarica l’invito  |  Esercizi Spirituali 2015

 

Convegno su Alberione

Convegno su Alberione

Beato Alberione

Beato Alberione

Un «Convegno di studio su don Alberione “Fondatore”»Scritto da Don Carlo Cibien, SSP on 03 Ottobre 2014. Postato in Incontri-Seminari

Tra le moltissime attività che sono state organizzate per celebrare l’anno centenario della nascita della Famiglia Paolina, la Società San Paolo organizza un Convegno di studio su don Alberione “Fondatore”. Lo si terrà ad Ariccia, presso la Casa “Divin Maestro”, nei giorni 23-25 novembre 2014.

Perché un “convegno di studio”?

Più ci si accosta con attenzione al pensiero di don Alberione, e più ci si rende conto di quanto esso sia profondo e inesplorato e della sua forza innovativa. Un esempio. Quando il futuro Giovanni Paolo II aveva appena sei anni, don Giacomo Alberione proponeva ai Paolini un progetto di «nuova, lunga e profonda evangelizzazione…» (San Paolo, agosto 1926, p. 3). Se si esaminano i tre aggettivi (nuova, lunga, profonda) che egli utilizza, se ne può far derivare un programma serio di evangelizzazione che coglie e supera quei due livelli indicati dal recentissimo documento della CEI, Incontriamo Gesù. Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia: «Si tratta di un concetto complesso che presenta due sfumature: l’evangelizzazione in quanto orizzonte dell’azione della Chiesa e l’evangelizzazione in quanto processo» (n. 19).

Onestamente dobbiamo riconoscere che il progetto apostolico alberioniano affidato alla Famiglia Paolina è tutt’altro che esaurito. Il Convegno di studio su don Alberione “Fondatore”, pur con tutti limiti di un Convegno, si pone come proposta di approfondimento del pensiero e dell’attività di don Alberione inteso come “Fondatore” della Famiglia Paolina e lo fa con un’attenzione speciale anche se non esclusiva alla Società San Paolo di cui nel 2014 si celebra il centenario di fondazione. Nulla vieta che un discorso analogo possa essere continuato dagli altri “rami” del grande albero paolino, colmando anche le inevitabili lacune e svelando nuovi orizzonti.

Come si articola il Convegno

Il programma del Convegno si apre con la riflessione di don Carlo Molari, decano dei teologi italiani e membro dell’Istituto Gesù Sacerdote. Mente lucidissima, a lui abbiamo chiesto di aiutarci a capire il valore di un centenario per una realtà ecclesiale in divenire come la nostra. Non si tratta certo di autocelebrarsi o auto commiserarsi, ma di “fare memoria” per aprirsi al futuro, continuando nel nostro oggi l’azione che il Fondatore intraprese nel suo oggi.

Ricevuto il “la”, il Convegno può partire con due introduzioni di carattere storico: la prima sullo sviluppo iconologico della pietà paolina, affidata a Sr Micaela Monetti, pddm; e la seconda, a due voci (Prof. Maggi e don Giovannini, ssp) sulla situazione culturale e religiosa con la quale don Alberione è entrato in dialogo; analisi che dovrebbe porre i termini per un’eventuale raffronto e attualizzazione, costituendo la seguente equivalenza: don Alberione sta al suo tempo, come noi stiamo al nostro tempo, cos’ha fatto lui e cosa possiamo fare noi.

Lo sviluppo successivo del Convegno si sofferma su alcuni temi che abbiamo creduto opportuno sottoporre ad uno studio attento. E qui è nato un dubbio: affidarci a studiosi “di grido”, con il rischio di una lettura affrettata e superficiale del pensiero del Fondatore? Alcune tesi discusse recentemente hanno messo in evidenza quanto l’impreparazione specifica dei relatori abbia inibito la ricerca dello studente su temi “paolini”. Il confronto con esperti in materia ci ha spinto a orientare la scelta su studiosi “paolini” con una reale e approfondita conoscenza del pensiero del Fondatore e in possesso del bagaglio metodologico necessario.

Tra i temi scelti: don Alberione biblista, teologo, mistico, fondatore di una “famiglia” religiosa.

È inevitabile che lo “studio” di don Alberione ci spinga alla ricerca delle sfide che dalla sua vita derivano a noi. Una di queste è il superamento del salto tra generazioni. A questo tema si è dedicata una tavola rotonda intitolata «Dialogo tra l’Antico e il Nuovo» nella quale si metteranno a confronto l’esperienze di paolini e paoline giovani e anziani.

Ma la sfida più attuale è affrontata nella relazione conclusiva, quella che avrà per tema: Don Alberione all’epoca del linguaggio “digitale”. In essa si cercherà di riconiugare e attualizzare la vocazione alla “docenza” che caratterizza il carisma paolino.

Al Convegno saranno presenti il Governo generale della Società San Paolo con i Superiori di Circoscrizione e i rispettivi invitati e – fino ad esaurimento dei posti – tutti coloro della Famiglia Paolina che sono interessati ad approfondire il pensiero del Fondatore.

Vai al Sito per il Programma

Weekend di marzo

Weekend di marzo

Weekend di marzo

Carissima, pochi oggi si fermano a riflettere su se stessi, sul senso della vita e sugli immensi doni di Dio. Perchè non scegli anche tu di dare un pò del tuo tempo per ascoltare quella parola che il tuo cuore attende da sempre?

Continua a leggere: Vedi  WEEKEND  

Quaresima

quaresima 2014

Inno  (Germagno)

Oggi la cenere
ci riconduce alla terra
perché gli occhi
si aprano al cielo.
Oggi la cenere profuma il capo
per purificare il cuore.
Oggi al pane si mescola cenere
per render più vero il cammino.
Cristo è nel deserto:
è il tempo del digiuno;
Cristo veglia nella solitudine:
è l’ora della preghiera;
Cristo sale a Gerusalemme:
stringiamoci nel cammino
d’amore
pregustando la Pasqua.

 Video Quaresima

La fede radice di ogni bene

La fede è la radice di ogni santificazione e di ogni apostolato

untitledA conclusione dell’Anno della fede (24 novembre 2013) e in preparazione alla festa liturgica del Beato Giacomo Alberione (26 novembre), è sembrato opportuno selezionare nove testi (da destinare a nove giorni di preparazione e di riflessione) dagli scritti del Fondatore sulla fede perché vengano utilizzati all’interno dei momenti di preghiera delle comunità: novena, liturgia delle ore, adorazione eucaristica. Inoltre, attraverso la preghiera per la canonizzazione del Fondatore sarà possibile consolidare la nostra fede e i legami di appartenenza alla mirabile Famiglia Paolina ed essere confermati nella ricerca di nuove vie di Apostolato per un efficace annuncio del Vangelo. Noi crediamo, ma certamente la nostra fede non è ancora perfetta. Occorre pensare che non sempre il Signore concede le grazie che gli chiediamo per la vita presente. Concede però sempre le grazie spirituali che noi chiediamo: o quelle o altre che egli vede più utili all’anima nostra. Le grazie materiali le concede solo in quanto vede che contribuiscono al bene della nostra anima. La fede ci fa vedere la vita nel suo giusto senso; ci fa credere nel Paradiso e ce ne mostra i mezzi: la preghiera, la buona vita, la corrispondenza alla nostra vocazione, l’adempimento della nostra missione.
La fede ci fa pensare in ordine all’eternità; ci fa trovare continui mezzi per tesoreggiare per la vita eterna; ci fa capire che cosa sia il sacerdozio, la dignità e i doveri: che cosa sia lo stato religioso, perché sia stato istituito e da chi fu istituito.
La fede! Essa riempie di letizia i nostri giorni, ancorché in questi noi incontriamo difficoltà, tentazioni, lusinghe.
La fede! Essa ci fa conoscere quanto siano misere le parole dei mondani e quanto invece sia preziosa la scienza del Vangelo. Occorre metterci davanti alle verità eterne, alla duplice eternità. Vivere di fede significa avere presenti queste grandi verità e ordinare tutta la vita al suo fine. (Pr 1p. 167)  Leggi tutto… 

 www.100anni.alberione.org

Esercizi del Papa ad Ariccia

Papa “trasferisce” ad Albano esercizi spirituali Pasqua con curia
Lettera di invito a capi-dicastero partiti ieri- Vedi Video don Sassi

Papa Francesco farà gli eserciza ad Ariccia,Casa Divin Maestro

Papa Francesco farà gli eserciza ad Ariccia,Casa Divin Maestro

Città del Vaticano, 17 ott. Papa Francesco “trasferisce” gli esercizi spirituali con i capi-dicastero della Curia romana dal Vaticano ad Albano.
Bergoglio terrà i suoi primi esercizi spirituali di Quaresima, dal 9 al 14 marzo 2014, ad Albano, presso la Casa Divin Maestro dei Paolini. Gli esercizi saranno predicati e guidati mons. Angelo De Donatis, parroco di San Marco al Campidogio.
La notizia, anticipata dal sito spagnolo di Radio Cope, è stata confermata dalla sala stampa vaticana, che ha sottolineato che sia tipico dei gesuiti svolgere gli esercizi spirituali in un luogo diverso da quello in cui si abita. La lettera di invito per gli esercizi spirituali – che con gli ultimi Papi si sono sempre svolti in Vaticano – è stata iniviata ieri.

Carissimi,

                    penso che siate già venuti a conoscenza della notizia: il prossimo anno, Papa Francesco (lui e tutta la curia cardinalizia) per i tradizionali loro Esercizi (inizio quaresima), ha scelto la nostra Casa paolina DIVIN MAESTRO ad Ariccia (Roma)…Volevo comunicarvi che questa mattina, giovedì 17 ottobre, ho avuto il dono di concelebrare con papa Francesco nella Cappella di Santa Marta: in allegato trovate l’omelia perché veramente molto provocatoria e stimolante per noi preti…Avevo fatto richiesta per tutti i Consiglieri nazionali IGS  (Consiglio convocato per le giornate 16-17 ottobre) di celebrare con lui, ma hanno concesso solo per il sottoscritto e uno dei consiglieri  (la sorte è caduta su don R. D’A)… Ho fatto e farò ancora richiesta per altre occasioni d’incontro dei membri IGS, ma è molto difficile: pensate che hanno ricevuto finora ben 900.000 richieste…  Sapete che al termine della Messa, incontra tutti e ascolta con attenzione ciò che ognuno sente di comunicare e gli ho detto:
“sono delegato dell’IGS, Istituto secolare per preti diocesani. A nome di tutti i membri sono lieto di esprimerle vivissima gratitudine per gli stimolanti messaggi che sa rivolgere con efficacia e testimonianza di vita non solo a tutto il popolo di Dio, ma anche a noi preti: grazie perché ci fa molto bene. Mi permetto umilmente di rivolgerle un invito a parlare, quando ne avrà occasione, dell’importanza per i preti diocesani di professare i Consigli evangelici, valorizzando i vari carismi e spiritualità della Chiesa come quella dei gesuiti, dei paolini… Mi ha risposto brevemente: “hai ragione: è importante e sono saggi quei preti diocesani che vogliono arricchire la propria vita personale, pastorale e apostolica aprendosi alle varie e ricche spiritualità nella Chiesa…”.
Ringraziamo il Signore per queste  parole d’incoraggiamento… Prossimamente verrete informati dei lavori del Consiglio IGS…

Auguro ogni bene
don E.

Rischio per i cristiani chiave in tasca e porta chiusa (omelia)

Istituto Gesù Sacerdote

 

 

Page 2 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén